Chi Siamo
  • Antonino di Bartolo

  • Il presidente del Club "le Grenadier". Autentico deus-ex-machina dell'Associazione. A lui si devono tutte le iniziative e gli scambi culturali con la stampa, le altre associazioni e i Musei. Giocatore saggio e prudente, capace e caparbio in difesa. Poco concreto nell'offensiva.
  • Francesco Thau

  • Il primo socio fondatore del Club. Abilissimo pittore, ha avuto molti riconoscimenti in campo nazionale e all'estero. Molti dei suoi figurini fanno parte delle bacheche di importanti collezionisti. Giocatore aggressivo e deciso, conduce attacchi risoluti e spietati. Lucido nell'offensiva, meno lucido nella difesa.
  • Marco Pagan

  • Altro socio fondatore del Club. La sua competenza e conoscenza del periodo napoleonico Ŕ immensa, come la sua biblioteca. Solido punto di riferimento per i pittori del Club, per i quali fornisce materiale iconografico prezioso e unico. Giocatore aristocratico e distratto, ma ottimo manovratore delle artiglierie
  • Piero Cavallerin

  • Il suo innato senso pratico e la sua luciditÓ, hanno portato le nostre regole di gioco ad essere quasi perfette. E' lui che ha migliorato, anno per anno, insieme con Antonino di Bartolo e Francesco Thau, regole e parametri di gioco. Un elemento indispensabile per il Club. Giocatore furbo e ordinato, acuto e deciso. Caparbio in difesa, manca di luciditÓ in fase offensiva, ma la compensa con il coraggio. E', non a caso, anche un abile scacchista.

  • Carlo de Luca

  • Generoso e leale, Ŕ lui che ha istituito nel Club la civile abitudine della stretta di mano tra avversari alla fine di ogni partita. Fa parte del gruppo di ricostruzione storica "Primo Leggero" e come tale ha conosciuto in tutta Europa i luoghi delle principali battaglie napoleoniche. La sua conoscenza delle tattiche di battaglia Ŕ diretta ed Ŕ molto utile per le nostre " piccole " battaglie. Giocatore acuto e risoluto. Conduce attacchi ordinati ed efficaci, ottimo tattico, difetta un p˛ nelle strategie.
  • Franco Saudelli

  • E' l'artista del Club. Ottimo pittore e anche scultore, molti dei figurini che compaiono nelle foto di questo sito sono opera sua. Ottimo stratega, ha vinto molte campagne. Tattico coraggioso, ma confuso. I suoi attacchi sono costosi, in fatto di perdite, anche se risoluti. E' migliore nella difesa, anche se odia difendersi.
  • Frank de Lancey

  • Uno degli antichi soci del Club. Frequentatore discontinuo, ma presenza piacevole e arguta. La sua conversazione non Ŕ mai banale. Un vero, aristocratico aiutante di campo del periodo napoleonico, con i quali ben si immedesima. Giocatore ordinato e caparbio nella difensiva, avrebbe ben figurato tra i ranghi superiori dell'Armata di Wellington.
  • Riccardo Rana

  • Una nuova leva e la pi¨ convincente degli ultimi anni. Ottimo pittore e gran lavoratore ai pennelli. Puntiglioso conoscitore dell'uniformologia napoleonica. Giocatore acuto e coraggioso, difetta soltanto di una cosa: dell'esperienza.

  • Cristiano Carnevali

  • Giocatore attento e tenace. Di carattere preciso, muove la fanteria in maniera compatta. Il suo modo di manovrare ricorda un p˛ quello del maresciallo Mc Donald. E' ancora agli inizi, ma Ŕ una sicura promessa.
  • Stefano Capolongo

  • Uno degli ultimi arrivi del Club. Grande appassionato di storia e storia militare.
    Pur se il periodo della civiltÓ dell'antica Roma Ŕ quello che lo "cattura" di pi¨, la Rivoluzione francese e l'Epopea Napoleonica lo hanno sempre affascinato. Sul campo, da giocatore, memorabili le prime batoste! Ora piano piano inizia a farsi rispettare.